Le nostre galline seguono una dieta corretta e bilanciata. La giusta alimentazione è il principale fattore alla base della loro salute, per questo è fondamentale sceglierla accuratamente per scongiurare malattie, virus, parassiti… L’alimentazione richiede un impegno quotidiano, tanto che  un’inadeguatezza nutrizione puo’ compromettere anche la produzione delle uova.  Ma come sono nutrite le nostre galline?  Innanzitutto dobbiamo distinguere tra l’alimentazione dei pulcini e quella delle galline. Dopo le prime 48 ore di vita, in cui i pulcini si nutrono solamente grazie ai lipidi del tuorlo del loro uovo, possono nutrirsi autonomamente. Nel primo periodo (il primo mese di vita) il mangime è proteico almeno al 21% – 23% per permettere loro la crescita.   Nel secondo periodo invece (fino al terzo mese di vita) diamo ai pulcini un mangime al 19% proteico. I mangimi sono ricchi di coccidiostatici che aiutano a ridurre l’insorgenza di patologie gastrointestinali. Dopo tre mesi possono fare il loro ingresso nel pollaio e nutrirsi insieme alle altre galline. Consigliamo di dare mangime biologico ricco di: semi di soia, granturco, farina di frumento e granturco, crusca, carbonato di calcio, semi di girasole, cloruro di sodio, fosfato bicalcico ed olio di soia, piselli spezzati, favino. Anche la distribuzione di avanzi di verdure e frutta (non cotta) può essere gradita alle galline, come gli avanzi di pane, pasta e riso.  Tutto questo permette loro una sana e variegata alimentazione, completa di tutti gli elementi nutritivi necessari alla loro crescita.